Edizioni Nuova Cultura

Violenze di genere

Sottotitolo:

Storie e memorie nell'America latina di fine novecento

Autore: Maria Rosaria Stabili

24.00

Per quanto la questione delle violenze di genere, degli stupri individuali e di massa abbia acquisito una grande rilevanza sul terreno del diritto internazionale, dei diritti umani e degli studi di genere, registra ancora molti ostacoli a costituirsi oggetto d’indagine tra gli storici. I saggi che compongono questo volume vogliono offrire una prima approssimazione al tema analizzato nel quadro delle violazioni dei diritti umani che segnano, tra dittature militari, conflitti armati interni e transizioni politiche, gli ultimi quarant’anni di storia dell’ America latina. Per tipificare lo stupro e in generale la violenza sulle donne come un abuso passibile di azione penale, come lo definisce il diritto internazione o come un’ espressione dell’ oppressione maschile prodotto di retaggi culturali, come lo pensa la critica femminista, o come l’offesa più mortale inferta al nemico, come la interpretano l’antropologia e la sociologia, il punto di partenza è, inevitabilmente, la realizzazione storica della violenza, di come e quanto essa sia cambiata nel tempo e secondo le geografie culturali. Pur consapevoli delle difficoltà che presenta il fare storia di un tempo ancora molto presente, gli autori, convinti che il contributo degli storici non possa essere concettuale ma empirico, privilegiano l’analisi delle violenze sessuali come profondamente radicate in specifiche circostanze e spazi temporali. Dopo aver operato una prima distinzione tra i paesi in cui si è esercitata la pratica dello stupro di massa da quelli in cui gli abusi e la violenza contro le donne rientravano nel più esteso ambito delle violazioni dei diritti umani e della tortura, hanno scelto di approfondire alcuni studi di caso. L’attenzione si è focalizzata su Argentina, Uruguay, Cile, Guatemala, Perù e Colombia. Parlare infatti di America latina al singolare può risultare certamente fuorviante poichè essa offre una molteplicità di realtà  storiche e politiche difficilmente assimilabili. Tuttavia, pur nella diversità  delle situazioni analizzate, un possibile comune denominatore lo si rintraccia nelle dinamiche con cui le donne rielaborano e ricostruiscono la memoria del trauma. Soprattutto lo si rintraccia nella costruzione di nuove strutture di appartenenza che si basano, appunto, su ricordi condivisi. Il passato e i processi di costruzione di memorie di gruppo alimentano infatti nuove identità collettive e costituiscono le risorse grazie alle quali le vittime vive degli orrori riescono a costruire nuove progettualità individuali e collettive.

Pagamenti Ritira    

Spese di spedizione 

I testi vengono stampati in print on demand. 

Si ricevono in circa 5-7gg lavorativi dall'accredito di pagamento.


ISBN cartaceo: 9788861341586
Numero pagine: 226
Colore: B/N
Data di pubblicazione: 24 Settembre 2009

Peso 0.268 kg
Dimensioni 20 × 14 cm