Edizioni Nuova Cultura

Le oceanine di Eugenio d’Ors

Sottotitolo:

Le (i)dee “Novecentiste” e “Mediterranee” in forma di romanzo

Autore: Nicola Palladino

14.00

Le Oceanine di E. d’Ors. Le (i)dee novecentiste e mediterranee in forma di romanzo, assume come compito l’analisi del Ciclo delle Oceanine, Dee tutelari della rinascita, è simbolo di un percorso artistico letterario che nella prima metà del ’900 europeo che proietta la Spagna orsiana come protagonista e rivaluta la memoria di un genio moderno.

Le quattro Oceanine, le epifanie del racconto di E. d’Ors rappresentano le coordinate di una ricerca che mira a definire il ciclo, novecentista e già proiettato verso le Avanguardie, anche come ‘Manifesto’ programmatico per una nuova Polis, un’altra Civitas.

Nicola Palladino, dottore di ricerca in Letterature Comparate, è professore a contratto presso la Seconda Università di Napoli. Il suo campo di studio specifico è nel settore dell’Ispanistica. Si occupa di traduzione e traduttologia e ha pubblicato un’edizione con testo a fronte dell’Antigone del grande Salvador Espriu (Bonanno, 2010). In ambito critico si è occupato del Mito e delle sue trasfigurazioni moderne e post-Moderne, con particolare riferimento a Dalí, pittore e scrittore, in Ultima Musa (Bonanno, 2009).

Eugenio d’Ors (1881-1954) filosofo, saggista, scrittore, critico d’arte e uomo politico fu un umanista integrale e l’ideatore nelle arti e nel pensiero del idea-movimento del Novecentismo. Lo scrittore non ebbe vita facile nella Catalogna e nella Spagna della prima metà del XIX secolo, forse proprio a causa della sua dirompente energia creativa e del suo continuo invito al rinnovamento, un dovere che Ors riuniva in una sola parola, “heliomaquia”.

Pagamenti Ritira Spese di spedizione 

Tempi di consegna 5-7gg lavorativi dall'accredito di pagamento.


ISBN cartaceo: 9788861348578


Colore: B/N
Data di pubblicazione: 23 Novembre 2012

Peso 0.305 kg
Dimensioni 24 × 17 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Le oceanine di Eugenio d’Ors”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.