Flat Preloader Icon

Edizioni Nuova Cultura

Inchieste e misteri d’Italia

Il giornalismo investigativo nella storia, il diritto di essere informati
€19.99-€26.00
Descrizione

Può la storia del nostro Paese essere riletta attraverso le inchieste giornalistiche? Può il giornalismo investigativo rappresentare l’antidoto contro il rischio di un’informazione non corretta, omologata o subordinata alle logiche del potere? Al centro del saggio di Ottavio Mancuso, il quarto di secolo che va dall’inizio della Strategia della tensione, nel 1969, alla fine della Prima Repubblica, nel 1994. Anni costellati di stragi e attività eversive, in cui hanno avuto un ruolo attivo anche apparati istituzionali infedeli alla Costituzione, con depistaggi e deviazioni sui quali molto c’è ancora da scoprire. Avvenimenti sui quali, inchieste giornalistiche serie – quelle che mettono al centro la cultura del dubbio e rifuggono da ogni forma di complottismo – hanno spesso contribuito a far luce, anche laddove la verità giudiziaria stentava a imporsi. L’opera si rivolge, in primo luogo, alle giovani generazioni, ma anche a chiunque voglia approfondire la conoscenza di vicende del nostro recente passato che oggi rischiano di essere ridimensionate nella loro gravità, se non addirittura rimosse dalla memoria collettiva. In tale contesto, il giornalismo investigativo – con le sue caratteristiche di creatività e originalità – può giocare un ruolo importante in un’epoca in cui strumenti tecnologici sempre più sofisticati, come le piattaforme di Intelligenza artificiale, offrono grandi opportunità, ma presentano, allo stesso tempo, il rischio di appiattimento dell’informazione. Spiegando come si realizza un’inchiesta, l’autore segnala gli ostacoli che oggi incontra il giornalismo investigativo, a partire dai pesanti condizionamenti aggravati dalla crisi economica del settore che rende più ricattabili editori e giornalisti. Da qui la proposta di inserire in Costituzione il diritto dell’opinione pubblica di essere correttamente informata. Con l’obiettivo che questo possa aiutare il giornalista a resistere a pressioni indebite e a saper dire, quando serve, dei no.
“Il libro di Ottavio Mancuso è una guida davvero preziosa e completa, per chi voglia diventare giornalista d’inchiesta e per tutti coloro che hanno interesse a conoscere un periodo decisivo della storia d’Italia” (Giuliano Turone).

L'Autore

Ottavio Mancuso è giornalista professionista, laureato in Scienze Politiche. Ha maturato la sua esperienza all’agenzia di stampa Agi – di cui è stato caporedattore centrale – seguendo anche i principali vertici finanziari internazionali e le riunioni dei capi di Stato dei Paesi del G7. Dal 2022 insegna ‘Giornalismo d’inchiesta’ alla facoltà di Lettere della Sapienza di Roma. Sempre nel 2022 ha pubblicato il volume Giornalismo d’inchiesta. Modelli storici e tecniche di scrittura, Edizioni Nuova Cultura. Nel 2023 ha realizzato una Masterclass in Giornalismo investigativo per Edulia-Treccani. È stato insignito dal capo dello Stato, Carlo Azeglio Ciampi, dell’onorificenza di ‘Ufficiale della Repubblica’, per meriti acquisiti nel campo dell’informazione.

Dettagli

Anno: 2024


Pagine: 222


Formato: 17×24 cm


Peso: 311 g


Colore: B/N


Copertina: Morbida


ISBN cartaceo: 9788833656472
ISBN digitale: 9788833656755

 
Descrizione

Può la storia del nostro Paese essere riletta attraverso le inchieste giornalistiche? Può il giornalismo investigativo rappresentare l’antidoto contro il rischio di un’informazione non corretta, omologata o subordinata alle logiche del potere? Al centro del saggio di Ottavio Mancuso, il quarto di secolo che va dall’inizio della Strategia della tensione, nel 1969, alla fine della Prima Repubblica, nel 1994. Anni costellati di stragi e attività eversive, in cui hanno avuto un ruolo attivo anche apparati istituzionali infedeli alla Costituzione, con depistaggi e deviazioni sui quali molto c’è ancora da scoprire. Avvenimenti sui quali, inchieste giornalistiche serie – quelle che mettono al centro la cultura del dubbio e rifuggono da ogni forma di complottismo – hanno spesso contribuito a far luce, anche laddove la verità giudiziaria stentava a imporsi. L’opera si rivolge, in primo luogo, alle giovani generazioni, ma anche a chiunque voglia approfondire la conoscenza di vicende del nostro recente passato che oggi rischiano di essere ridimensionate nella loro gravità, se non addirittura rimosse dalla memoria collettiva. In tale contesto, il giornalismo investigativo – con le sue caratteristiche di creatività e originalità – può giocare un ruolo importante in un’epoca in cui strumenti tecnologici sempre più sofisticati, come le piattaforme di Intelligenza artificiale, offrono grandi opportunità, ma presentano, allo stesso tempo, il rischio di appiattimento dell’informazione. Spiegando come si realizza un’inchiesta, l’autore segnala gli ostacoli che oggi incontra il giornalismo investigativo, a partire dai pesanti condizionamenti aggravati dalla crisi economica del settore che rende più ricattabili editori e giornalisti. Da qui la proposta di inserire in Costituzione il diritto dell’opinione pubblica di essere correttamente informata. Con l’obiettivo che questo possa aiutare il giornalista a resistere a pressioni indebite e a saper dire, quando serve, dei no.
“Il libro di Ottavio Mancuso è una guida davvero preziosa e completa, per chi voglia diventare giornalista d’inchiesta e per tutti coloro che hanno interesse a conoscere un periodo decisivo della storia d’Italia” (Giuliano Turone).

L'Autore

Ottavio Mancuso è giornalista professionista, laureato in Scienze Politiche. Ha maturato la sua esperienza all’agenzia di stampa Agi – di cui è stato caporedattore centrale – seguendo anche i principali vertici finanziari internazionali e le riunioni dei capi di Stato dei Paesi del G7. Dal 2022 insegna ‘Giornalismo d’inchiesta’ alla facoltà di Lettere della Sapienza di Roma. Sempre nel 2022 ha pubblicato il volume Giornalismo d’inchiesta. Modelli storici e tecniche di scrittura, Edizioni Nuova Cultura. Nel 2023 ha realizzato una Masterclass in Giornalismo investigativo per Edulia-Treccani. È stato insignito dal capo dello Stato, Carlo Azeglio Ciampi, dell’onorificenza di ‘Ufficiale della Repubblica’, per meriti acquisiti nel campo dell’informazione.

Dettagli

Anno:
2024


Pagine:
222


Formato:
17×24 cm


Peso:
311 g


Colore:
B/N


Copertina:
Morbida


ISBN cartaceo:
9788833656472
ISBN digitale:
9788833656755

 
Inchieste e misteri d’Italia
19,9926,00Scegli
Torna in alto