La vergogna dell’armadio

Ricerche, verità e metafore sui crimini di guerra e sulla magistratura militare 1945-2006

Autore/i: Maurizio Cosentino

20.00

Il volume ricostruisce, fin dalla sua origine , la vicenda del carteggio, rinvenuto a Roma, nel 1994, negli archivi della Procura generale militare. Nello stesso anno, veniva rintracciato, in Argentina, Erich Priebke e la Procura presso il tribunale militare di Roma istruisce le procedure per l’estradizione. In questo clima di riacceso interesse per gli eccidi subiti in Italia dopo l’8 settembre 1943, ad opera delle truppe nazifasciste, le istituzioni interessate effettuano indagini, al fine di accertare eventuali responsabilità dolose. Si cercano di capire, in primo luogo, i motivi della prolungata giacenza del carteggio in quei locali e del provvedimento di “archiviazione provvisoria”, adottato per molti di quegli atti, nel 1960, dal Procuratore generale militare Enrico Santacroce e, non meno, la loro possibile valenza giudiziaria, a distanza di tanto tempo. Il Consiglio della Magistratura militare è la prima istituzione chiamata in causa e che si attiva, dal 1994 al 1999, con una indagine interna cui ne seguono, in Parlamento, un’altra conoscitiva ed una Commissione parlamentare d’inchiesta. Contemporaneamente viene coniata e si diffonde, con insistenza, la metafora dell'”armadio della vergogna”. Metafora che ha tentato di generare nell’immaginario collettivo suggestioni negative sul ruolo svolto dalle istituzioni interessate e di formulare ipotesi di complotti tra gerarchie militari e potere politico. In nome di un’anomala “ragion di Stato” si è inteso avvalorare la tesi dei mancati processi agli autori di crimini di guerra. Gli atti rinvenuti non erano occultati in nessun armadio, né l’unico armadio di cui alcuni fanno menzione, aveva mai avuto le ante rivolte contro un muro per evitare che il suo contenuto venisse alla luce. L’Italia perciò non ha “armadi della vergogna”, ma ha rischiato la vergogna sulla questione dei processi ai criminali di guerra, a causa di un presunto armadio. Da ciò la “vergogna dell’armadio” che intende, fuor di metafora, demitizzare la vicenda e restituire i fatti alla loro realtà e normalità. Dall’analisi della relazione del Consiglio della Magistratura militare e delle due relazioni conclusive della Commissione parlamentare di inchiesta, anche alla luce dei documenti allegati, emergono i dati, le motivazioni e le concause che hanno contribuito al rischio, e forse anche al desiderio di alcuni, che la vicenda del carteggio sui crimini di guerra potesse venir a far parte degli affari ‘neri’ ed irrisolti della storia del nostro Paese, tanto sotto il profilo politico e diplomatico, quanto sotto quello storico e storiografico. L’ultimo capitolo comprende una trattazione su: crimini di guerra, delitti politici, prigionieri di guerra, amnistie ed estradizioni, alla luce delle vigenti convenzioni internazionali. Si tenta di dare delle risposte sul perché in Italia si é sviluppato un atteggiamento particolare su questi argomenti rispetto agli altri Paesi, soprattutto alla Germania. Su quali dinamiche si svolge il processo politico in grado di orientare l’opinione pubblica e il processo per accertare la responsabilità dei fatti? Cosa si desume, infine, da questo affaire per il sistema politico italiano, per la giustizia e nell’opinione pubblica? Come mai perfino il messaggio lanciato da Togliatti, con l’amnistia del 1946, non é stato colto?
Maurizio Cosentino, nato a Catania nel 1969. Ha studiato nelle università di Heidelberg e Berlino von Humboldt. Docente ordinario di filosofia e storia. È stato consulente della Commissione parlamentare di inchiesta sulle cause dell’occultamento di fascicoli relativi a crimini nazifascisti e della Commissione parlamentare antimafia. Tra le sue pubblicazioni: I sistemi morali, Catania 1998; Dallo spirito tedesco allo spirito vivente. K. Jaspers e Il crollo del Terzo Reich, in: Per la filosofia, Pisa – Roma 2002; Hermes e la Loggia. Ermetismo e massoneria. Pisa – Roma 2005.

Altre info editoriali
ISBN cartaceo: 9788861343306
Numero pagine: 360
Colore: B/N
Data di pubblicazione: 23 Ottobre 2009

Informazioni aggiuntive

Peso 0.612 kg
Dimensioni 24 × 17 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La vergogna dell’armadio”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Reparti

WebTV

Accesso Cliente

Hai perso la password?