I tempi e i luoghi del cibo

Autore/i: Giovanna Motta

17.5035.00

[:it]Nel corso della storia il cibo è protagonista, l’uomo deve nutrirsi prima ancora di abitare e di diventare homo aeconomicus. L’alimentazione muta in ragione di un “ordine”, cioè di quanto accade nell’economia e nella società cancellando in tutto o in parte i dati tradizionali sostituendoli o mescolandoli alle nuove tendenze e opportunità. La realtà della vita materiale è straordinariamente mutevole nel tempo e nello spazio, convivono lusso e miseria, tradizioni e cambiamenti, “segni” che diventano linguaggi per mostrare la gestione del potere, la mobilità delle classi emergenti, il modo di produrre, il miglioramento delle condizioni di vita, i simboli di cui si nutrono le società. Il divenire storico si frantuma in ritmi differenti – uno più rapido degli avvenimenti, un altro di media velocità della congiuntura, il terzo più lento della lunga durata – e si intreccia con il tema dell’alimentazione che diventa così essa stessa simbolo del cambiamento, “scambio” fra classi e fra popoli, confondendosi e sovrapponendosi alle ideologie e alla politica, all’economia e all’antropologia, mentre scandisce i periodi dell’abbondanza e della carestia, racconta di pellegrinaggi, di cicli climatici e liturgici, di digiuni penitenziali, di libri di cucina, di cultura umanistica, di informazioni medico/scientifiche, insomma racconta in molti modi la storia degli uomini.[:en]

Nel corso della storia il cibo è protagonista, l’uomo deve nutrirsi prima ancora di abitare e di diventare homo aeconomicus. L’alimentazione muta in ragione di un “ordine”, cioè di quanto accade nell’economia e nella società cancellando in tutto o in parte i dati tradizionali sostituendoli o mescolandoli alle nuove tendenze e opportunità. La realtà della vita materiale è straordinariamente mutevole nel tempo e nello spazio, convivono lusso e miseria, tradizioni e cambiamenti, “segni” che diventano linguaggi per mostrare la gestione del potere, la mobilità delle classi emergenti, il modo di produrre, il miglioramento delle condizioni di vita, i simboli di cui si nutrono le società. Il divenire storico si frantuma in ritmi differenti – uno più rapido degli avvenimenti, un altro di media velocità della congiuntura, il terzo più lento della lunga durata – e si intreccia con il tema dell’alimentazione che diventa così essa stessa simbolo del cambiamento, “scambio” fra classi e fra popoli, confondendosi e sovrapponendosi alle ideologie e alla politica, all’economia e all’antropologia, mentre scandisce i periodi dell’abbondanza e della carestia, racconta di pellegrinaggi, di cicli climatici e liturgici, di digiuni penitenziali, di libri di cucina, di cultura umanistica, di informazioni medico/scientifiche, insomma racconta in molti modi la storia degli uomini.

[:]

Altre info editoriali
ISBN cartaceo: 9788868126834
ISBN digitale: 9788868126926
Numero pagine: 398
Colore: B/N
Data di pubblicazione: 31 Maggio 2016
Svuota

Informazioni aggiuntive

Peso 0.557 kg
Dimensioni 17 × 24 cm
Formato

Cartaceo, Pdf

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “I tempi e i luoghi del cibo”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Reparti

WebTV

Accesso Cliente

Hai perso la password?