Il senso delle soggettività

Ricerche semiotiche - Atti congresso AISS 2013

Autore/i: Dario Mangano, Bianca Terracciano

20.00

In un convegno dedicato alle Soggettività un laboratorio sul silenzio non poteva mancare: nel silenzio verso l’esterno si sviluppa infatti la percezione di sé e il dialogo con se stessi, condizioni per il costituirsi di quello spazio intimo denominato nella nostra cultura “interiorità”. Roland Barthes racconta che gli accadde quando da giovane, affetto da tubercolosi, trascorse dei periodi in sanatorio, dove per l’appunto era prescritta la cura del silenzio: passare alcune ore della giornata, in solitudine, a riposo o leggendo, senza parlare. Cura probabilmente ispirata alle regole monastiche, che ritroviamo in forma mitigata anche nelle prime classi di scuola (almeno, nei ricordi di chi scrive). Il silenzio, dunque, come forma più o meno radicale di ritiro simbolico dal mondo, dalla sua chiacchiera e dal suo esserci, avrebbe detto Heidegger: prove tecniche di meditazione sull’autenticità dell’essere (Isabella Pezzini)

Altre info editoriali
ISBN cartaceo: 9788868121556
Numero pagine: 238
Colore: B/N
Data di pubblicazione: 5 Ottobre 2013

Informazioni aggiuntive

Peso 0.428 kg
Dimensioni 28.5 × 20.5 × 285 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il senso delle soggettività”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Reparti

WebTV

Accesso Cliente

Hai perso la password?