Il Risorgimento sul mare

a campagna navale del 1860-1861

Autore/i: Antonello Battaglia

12.00

[:it]

La campagna militare del 1860-1861, combattuta prevalentemente via terra, venne seguita attentamente dal mare. Cavour, ministro della Marina, organizzò una vasta rete di monitoraggio in cui la flotta svolse un compito fondamentale. La spedizione garibaldina venne seguita fin dalle prime battute. La presenza della squadra navale di Persano ebbe un ruolo strategico: servì per controllare da vicino la condotta di Garibaldi; da deterrente nei confronti dei legni borbonici; da fattore incoraggiante nei confronti della popolazione locale e costituì la longa manus di Cavour nelle travagliate trattative per ottenere la defezione delle unità borboniche. Non mancarono nemmeno le operazioni navali stricto sensu nelle quali i navigli degli Antichi Stati Italiani operarono per la prima volta contro un nemico ormai provato. La marina fu il tramite tra il centro e la periferia, tra la Sicilia e Torino, tra la sfera militare e quella politica.


Antonello Battaglia, dottorando di ricerca in Storia d’Europa presso il dipartimento di Studi Politici della facoltà di Scienze Politiche della Sapienza, Università di Roma. Cultore della materia in Storia Moderna, collabora inoltre con la cattedra di Storia dell’Europa Orientale. Si occupa di tematiche relative alla storia della Marina Militare su cui ha pubblicato diversi saggi e articoli e di politica mediterranea italiana dall’Unità alla Grande Guerra.

[:en]La campagna militare del 1860-1861, combattuta prevalentemente via terra, venne seguita attentamente dal mare. Cavour, ministro della Marina, organizzò una vasta rete di monitoraggio in cui la flotta svolse un compito fondamentale. La spedizione garibaldina venne seguita fin dalle prime battute. La presenza della squadra navale di Persano ebbe un ruolo strategico: servì per controllare da vicino la condotta di Garibaldi; da deterrente nei confronti dei legni borbonici; da fattore incoraggiante nei confronti della popolazione locale e costituì la longa manus di Cavour nelle travagliate trattative per ottenere la defezione delle unità borboniche. Non mancarono nemmeno le operazioni navali stricto sensu nelle quali i navigli degli Antichi Stati Italiani operarono per la prima volta contro un nemico ormai provato. La marina fu il tramite tra il centro e la periferia, tra la Sicilia e Torino, tra la sfera militare e quella politica.

Antonello Battaglia, dottorando di ricerca in Storia d’Europa presso il dipartimento di Studi Politici della facoltà di Scienze Politiche della Sapienza, Università di Roma. Cultore della materia in Storia Moderna, collabora inoltre con la cattedra di Storia dell’Europa Orientale. Si occupa di tematiche relative alla storia della Marina Militare su cui ha pubblicato diversi saggi e articoli e di politica mediterranea italiana dall’Unità alla Grande Guerra.[:]

Altre info editoriali
ISBN cartaceo: 9788861347991
Numero pagine: 154
Colore: B/N
Data di pubblicazione: 27 Maggio 2012

Informazioni aggiuntive

Peso 0.199 kg
Dimensioni 20 × 14 × 20 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Il Risorgimento sul mare”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Reparti

WebTV

Accesso Cliente

Hai perso la password?