Poema pedagogico

L’autore e il lettore: dalla Gor’k? al Minerva Moda

Autore/i: Salvatore Impoco

40.00

Quest’opera prima di Salvatore Impoco, scaturisce dalla volontà dell’autore di dare il giusto risalto, non solo allo spirito innovativo dei suoi due giovani ed amati figli Emanuele ed Alessandro, ma anche, di darlo al talento di tutti quei giovani discenti che, dal 1978 al 2010, hanno dipinto e colorato il suo quadro di docente. Nato a Vittoria (RG), nel 1962 si trasferisce a Roma con i propri genitori, i quali, nella città eterna e Caput Mundi, sperano di trovare per lui un ambiente sociale e professionale più ampio e più ricco di stimoli, e la Roma di allora, quella sessantottina per intenderci, quella dell’incontro – scontro tra la generazione della guerra e la generazione della pace, diventa per Salvatore Impoco la madre, la culla e la balia della sua formazione valoriale, morale e culturale, ed anche e perciò, improcrastinabile diventa il desiderio di partecipazione e di conoscenza dei perché di quell’incontro-scontro generazionale. Diplomato liceale classico, continua gli studi nel settore scientifico. Nel 1978 è dottore in Biologia e da subito inizia la sua carriera di insegnante precario in provincia di Vicenza. Abilitatosi a Venezia, dal 1984 è docente di ruolo per l’insegnamento di Scienze, chimica, geografia e microbiologia negli Istituti Superiori. Emigrante “con valigia di cartone” prima e precario della scuola poi, ed un po’ anche in memoria della piccola e personale rivoluzione sessantottina, da docente, con metodi formativi appunto rivoluzionari, spalanca agli alunni le porte della sua umanità (fonda fra l’altro, con gli allievi dell’I.T.C. cittadino, il “piccolo teatro città di Lonigo”) e delle sue acquisite e nuovissime competenze scientifiche nelle allora nascenti discipline genetiche, della chimica subatomica, della fisica quantistica e del mondo dei quark. Rientrato a Roma, frequenta numerosissimi corsi di formazione e di specializzazione tra cui spiccano, per impegno e nuova fonte di ispirazione educativa, la specializzazione biennale per insegnanti di sostegno ed il Master in women’s studies e pari opportunità, e così che, dal 2003, insegna, sempre nelle scuole superiori, alle persone con abilità diverse. Nel 2005, per ancora meglio conoscere i giovani moderni, intraprende un nuovo percorso formativo e si iscrive al corso di laurea in Scienze dell’Educazione e della Formazione presso l’Università “la Sapienza” di Roma. Nel 2007 discute la tesi triennale e nel 2009 si pregia della laurea specialistica in Pedagogia, ed è dalla trasformazione della tesi di laurea di quest’ultima esperienza che nasce questo libro. Chi avrà l’opportunità di leggerlo, facilmente potrà riconoscere l’alto valore culturale, morale e formativo che nascono dall’incontro di Salvatore Impoco con le sue due guide spirituali: l’autore del Poema pedagogico Anton Semënovic Makarenko ed il chiarissimo professore Nicola Siciliani de Cumis, stimatissimo docente di Pedagogia del primo Ateneo di Roma. Rita Buttaro.
Far sorridere una persona con un bel racconto è come far sbocciare un fiore. Emanuele Impoco

Altre info editoriali
ISBN cartaceo: 9788861345263
Numero pagine: 312
Colore: B/N
Data di pubblicazione: 8 Ottobre 2010

Informazioni aggiuntive

Peso 0.756 kg
Dimensioni 24 × 17 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Poema pedagogico”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Reparti

WebTV

Accesso Cliente

Hai perso la password?