Norman Manea e la lingua romena

Autore/i: Donato Cerbasi

3.0010.00

Norman Manea, da molti ritenuto il massimo scrittore romeno contemporaneo, è nato nel 1936 a Suceava, in Romania, nella regione multietnica e plurilingue della Bucovina. Di famiglia ebraica, all’età di 5 anni, durante la seconda guerra mondiale, fece l’esperienza del lager insieme ai suoi parenti. Da adulto patì poi sotto il regime comunista insediatosi nel suo Paese dopo la guerra, tanto da riuscire a dedicarsi a tempo pieno al lavoro di scrittore solo a partire dal 1974. Finalmente, nel dicembre del 1986 lasciò il suo Paese per l’esilio. Dopo un soggiorno di un anno a Berlino Ovest e un breve transito a Parigi, si stabilì negli Stati Uniti nel 1988 e l’anno successivo entrò come “Academy Fellow” al Bard College, dove divenne poi professore nel 1992.

Questo libro ripercorre la vicenda esistenziale e alcuni testi fondamentali dell’opera di Manea seguendo il filo del suo profondo attaccamento alla madrelingua romena, rifugio e garanzia per il suo senso di identità sia in patria sia, a maggior ragione, nel contesto dell’esilio.

 

Donato Cerbasi è laureato in Lingue e letterature straniere moderne ed è dottore di ricerca in Linguistica. Attualmente è professore associato di Glottologia e linguistica (s.s.d. L-LIN/01) presso il Dipartimento di Lingue, letterature e culture straniere dell’Università degli Studi Roma Tre. Tra le altre cose, è autore di articoli su rivista e di relazioni presentate a convegni internazionali su aspetti di morfosintassi e di lessicologia della lingua romena.

Altre info editoriali
ISBN cartaceo: 9788868124304
ISBN digitale: 9788868124496
Numero pagine: 64
Colore: B/N
Svuota

Informazioni aggiuntive

Peso 0.70 kg
Dimensioni 24 × 17 cm
Formato

Cartaceo, Epub, Mobi

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Norman Manea e la lingua romena”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Reparti

WebTV

Accesso Cliente

Hai perso la password?