Le Marche e la Prima Guerra Mondiale il 1915 (II)

I primi sei mesi di guerra: dall’euforia interventista alla realtà della trincea

Autore/i: Massimo Coltrinari

16.0032.00

Seguito dei precedenti, uno dedicato al 1914 e l’altro al primo semestre del 1915, il presente volume descrive lo svolgersi della guerra sulla nostra frontiera orientale. Mentre tutti si aspettavano una rapida e vittoriosa conclusione, emersero sul campo i nodi di una decisione diplomatica affrettata (il Patto di Londra) che mise in difficoltà i vertici militari. Difficoltà che si tradussero in una mobilitazione tardiva, tanto che, dichiarata la guerra il 24 maggio, la prima vera grande offensiva (la Prima Battaglia dell’Isonzo) fu lanciata solo un mese dopo, il 23 giugno 1915. Il primo mese di guerra lo chiamammo “Il balzo in avanti”, un eufemismo per dire che l’Esercito entrò in guerra impreparato; una impreparazione che ci costò cara in quanto diede tempo all’Austria-Ungheria di far affluire verso il suo confine meridionale, al momento della dichiarazione di guerra indifeso, sufficienti truppe per contrastare la nostra avanzata.
Dopo la prima offensiva, ne lanciammo, nei mesi successivi, altre tre, (Seconda, Terza e Quarta Battaglia dell’Isonzo) che in sostanza non ebbero alcun successo. L’euforia del “maggio radioso” pian piano lasciò il posto alla disillusione e alla rassegnazione, mascherata da esteriorità patriottiche. La guerra non sarebbe stata né breve né facile e il Paese né prese atto.
Nel volume questo andamento della guerra è descritto riportando l’impiego in linea delle Brigate di fanteria dal nome marchigiano, “Marche”, “Ancona” e “Macerata” e da altre, come la Brigata “Messina” e la Brigata “Acqui” che erano di stanza, in tempo di pace, nelle Marche. In più si descrive le vicende della Brigata “Alpi” per riportare l’interventismo risorgimentale alla prova della trincea.
Il volume presenta le Marche come regione di prima linea, in quanto, dopo aver dato il concetto di “trincea marittima”, nel descrivere la strategia adottata dalla Regia Marina, sottolinea il ruolo di Ancona come piazzaforte offensiva. E su questa scia da i primi tratti di come le provincie marchigiane, Pesaro, Ancona, Macerata Ascoli Piceno ed il fermano, subissero incisivi cambiamenti socio-economici, ora repentini ora più lenti, che la guerra richiedeva.
Il volume è anche espressione delle attività, lezioni, seminari, relazioni, e incontri, svolte nel secondo semestre 2015 dall’Autore per ricordare e celebrare il centenario della Grande Guerra.


Massimo Coltrinari, generale, storico, attualmente insegna all’Università La Sapienza di Roma; è direttore del programma “Strategia” dell’Istituto di Alta Strategie e Scienze Ausiliare – ISAG di Roma; è direttore del Centro Studi sul Valore Militare – CESVAM dell’Istituto del Nastro Azzurro fra Combattenti decorati al Valor Militare. È il Consulente del Comandante del Comando Militare Esercito “Marche” per le celebrazioni del centenario della Grande Guerra 1915-1918.

 

Altre info editoriali
ISBN cartaceo: 9788868128517
ISBN digitale: 9788868129330
Numero pagine: 358
Colore: B/N
Data di pubblicazione: 30 Giugno 2017
Svuota

Informazioni aggiuntive

Peso 0.501 kg
Dimensioni 17 × 24 cm
Formato

Cartaceo, Pdf

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “Le Marche e la Prima Guerra Mondiale il 1915 (II)”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Reparti

WebTV

Accesso Cliente

Hai perso la password?