La capitale contesa

Firenze, Roma e la Convenzione di Settembre (1864)

Autore/i: Antonello Battaglia

14.00

 

NUOVO: acquista l'eBook!
Prezzo: 3,99 €

Fontainebleau, 15 settembre 1864, ore 15. Nigra, ambasciatore italiano a Parigi, Pepoli, ambasciatore italiano a Pietroburgo e amico di Napoleone III e Drouyn De Lhuys, ministro degli Esteri francese, siglano la Convenzione di Settembre. L’accordo, raggiunto dopo tre anni di trattative altalenanti, prevedeva la smobilitazione francese da Roma e il progressivo avvicendamento delle truppe imperiali con un corpo di volontari cattolici. L’Italia doveva tuttavia garantire l’indipendenza e la sicurezza dei territori pontifici e s’impegnava a trasferire la capitale da Torino a Firenze. L’ambiguità dell’accordo metteva entrambi i Paesi nella condizione di ritenerlo un successo diplomatico. Parigi ritirava le truppe perché giudicava lo spostamento di capitale come la definitiva rinuncia italiana a Roma, mentre per i diplomatici di Vittorio Emanuele II, si trattava di un avvicinamento progressivo all’urbe e l’inizio di una soluzione pacifica della Questione Romana. La guarnigione transalpina – intervenuta e insediatasi, su richiesta di Pio IX, nella tarda primavera del 1849 – iniziava a tornare in Francia.

seguito della Convenzione, una commissione militare – costituita dai generali di corpo d’armata – fu incaricata di studiare il nuovo assetto strategico-militare della Penisola alla luce dello spostamento di capitale.

In prossimità del 150° anniversario dalla Convenzione, il volume ricostruisce – con l’ausilio dei Documenti Diplomatici Italiani e degli incarti custoditi presso l’Archivio dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito e presso la biblioteca del Centro di Simulazione e Validazione dell’Esercito di Civitavecchia – le complicate trattative d’accordo e l’elaborazione delle nuove strategie militari italiane.

Antonello Battaglia svolge attività di ricerca presso il dip.to di Scienze Politiche della Facoltà di Scienze Politiche di Sapienza, Università di Roma. È Cultore di Storia Moderna, collabora con la cattedra di Storia dell’Europa Orientale, con la Commissione Italiana di Storia Militare e con l’Archivio dell’Ufficio Storico dello Stato Maggiore dell’Esercito. È inoltre membro dell’Istituto per la Storia del Risorgimento italiano.

Con Nuova Cultura ha già pubblicato Il Risorgimento sul mare. La campagna navale del 1860-1861, Nuova Cultura, Roma, 2012 che ha ricevuto il premio nazionale di storia militare Gen. Div. De Cia 2012 e I rapporti italo-francesi e le linee d’invasione transalpina (1859-1881), Nuova Cultura, Roma, 2013 insignito del premio De Cia 2013 per aver riportato alla luce gli inediti studi dello SME sulla paventata ipotesi di un’invasione marittima della Penisola da parte delle forze francesi.

Altre info editoriali
ISBN cartaceo: 9788868121129
Numero pagine: 192
Colore: B/N
Data di pubblicazione: 29 Luglio 2013

Informazioni aggiuntive

Peso 0.211 kg
Dimensioni 20 × 14 × 20 cm

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “La capitale contesa”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Reparti

WebTV

Accesso Cliente

Hai perso la password?